Materia a Cernobbio: leggi le recensioni

Leggi le ultime recensioni riguardanti Materia (Cernobbio). Sluurpy aggrega i voti,valutazioni e recensioni dei principali siti di ranking per fornire ai suoi utenti la migliore panoramica dei ristoranti di loro interesse.

Visitatore5/5
17/03/2019
Bravi bravi bravi! Non solo allo chef, ma allo staff tutto. Giovani, intelligenti e che osano con sapori e profumi non comuni. Avere la possibilità di fare il menu degustazione permette di fare un viaggio emozionale. Complimentoni! Un’esperienza da ripetere.
Visitatore5/5
17/03/2019
Bravi..!!! Perché è giusto farlo a tutto lo staff.. che lavora coeso per un viaggio gastronomico nella testa dello chef... vale la pena chiudere gl’occhi e farsi accompagnare.
Visitatore5/5
11/03/2019
Bravo caranchini!!! Abbiamo optato per un menu 11 portate e siamo rimasti senza parole!!! Una portata dopo l'altra siamo stati travolti da sapori intensi che ci hanno lasciati senza parole!!! Particolare risalto per le 3 portate d frattaglie!!! Bravi bravi bravi. Se però devo trovare una critica o dare un consiglio, il servizio nonostante sia cordiale e attento magari si può migliorare così come la location ma per essere all'inizio... Bravi bravi bravi!!!
Visitatore5/5
28/02/2019
Menù degustazione da 6 portate strepitoso. Stella senza dubbio meritata. Servizio cortese e professionale. Consigliato
Visitatore4/5
18/02/2019
Quando ti dicono andiamo a pranzo al lago,già ti immagini come si suol dire au bord du lac,ti ritrovi invece in una piccola via,come in un ristorantino di quartiere,la passeggiata lungolago ce la faremo dopo.Due salette,una cucina a vista,un po algido minimale e freddo quanto basta,tavolini neri,riscaldato dall'accoglienza gentile e simpatica del personale.Un menù particolare e visto che non conoscevo lo Chef e la sua cucina,un po di sorpresa e diffidenza non è mancata,ho scelto la trota in carpione,essendo Valsesiano e figlio di un pescatore, ma naturalmente nulla a che vedere con il nostro classico carpione,un carpaccio di trota marinato non ricordo con quali ingredienti,ma devo dire gustosa e buona,come buoni i ravioli di lepre che ho assaggiato,poi una scelta per me un po osé il Maitake e abete,questo fungo giapponese che dicono pure medicinale(mi sono informato),a vedersi ricorda il nostro fungo reale ed anche se non lo mangerei tutti i giorni è stata un'esperienza particolare e gradevole nell'attesa una serie di amuse bouche belli a vedersi ed intriganti come gusti pure loro.Meno entusiasmanti per me i dolci purezza e whisky ed orzo,piccoli dolcetti finali,un buon vino ed un conto di circa 60 euro a persona.Che dire per concludere:ci si siete a tavola per stare bene conoscersi imparare,scoprire ed anche per lasciarci sorprendere e sedurre,ma se proprio non ci riuscite non preoccupatevi domani ci saranno sempre le solite lasagne:Fate voi
Visitatore5/5
15/02/2019
Metto 5 stelle solo perché non posso metterne di più! Vedere ragazzi che, così giovani, riescono a creare dei piatti così meravigliosi mi ha lasciata letteralmente senza fiato. É tutto perfetto, dall'accoglienza, alla spiegazione del menu, al servizio, all'impiattamento, ai sapori... Idee pazzesche, abbinamenti a cui mai avrei pensato, con realizzazione semplicemente perfetta. Il tutto a un prezzo che, per il livello del ristorante, trovo pure basso! Noi abbiamo preso due antipasti, un primo, un secondo, due dolci, una bottiglia di vino, altri due calici da abbinare al dessert, e due caffè, per un totale di 136 euro. Siamo rimasti piacevolmente colpiti e senza dubbio ci torneremo. Bravissimi ragazzi, continuate così!
Diego P4/5
15/02/2019
Siamo stati al Materia per festeggiare S.Valentino e provare la cucina che ha ricevuto la prestigiosa stella Michelin quest'anno. A sorpresa il ristorante è a Cernobbio in una zona poco "nobile" niente vista lago, niente via centrale ma una via che va verso Tavernola, il pregio è che a differenza delle altre zone qui è facile trovare parcheggio. L'ambiente è molto minimal con colori bianco e nero dominanti e lampade sospese, nel complesso mi piace. Il servizio è attento e molto preparato, i giovani camerieri parlano perfettamente sia italiano che inglese e ti accompagnano nel viaggio tra i sapori. Apprezzatissima l'attenzione alle eventuali intolleranze e/o allergie dei commensali, bravi!!! Scegliamo il menu degustazione per provare più piatti e per me anche la degustazione in abbinamento di 3 vini. Ottimi gli antipasti, non ho apprezzato particolarmente l'insalata di cavolo rosso ma il letto di latte di mandorla amara con midollo affumicato e caviale era ottimo così come il risotto con sedano rapa, uova di trota e pepe Sansho che dava al piatto un sapore fresco ed agrumato. Equilibrato la pancia di maiale con prugne e shiso, non mi ha entusiasmato il dolce, un gelato total white seppur con gusto di nocciola, caffè e cacao però col caffè la piccola pasticceria ha ampiamente appagato la voglia di dolcezza. Ottimo il rapporto qualità prezzo per il menu mentre un pò cara la degustazione di 3 vini in abbinamento.
Visitatore5/5
14/02/2019
Virtuosismi tecnici da primo della classe che fondono alla perfezione la tradizione lariana, la nuova gastronomia nordica e i profumi e sapori orientali. Cucina minimalista ma di grande effetto, con acidità e umami spinti ai massimi livelli. Al pari dello chef, lo staff di sala è giovane e molto preparato. Da non perdere l’insalata di cavolo con midollo piastrato e caviale, piatto simbolo dello chef e sempre presente in carta, l’animella e il dessert col gelato al whisky. Unica controindicazione: il tipo di cucina non è propriamente per tutti i palati
Visitatore5/5
12/02/2019
Locale molto bello.. Personale super gentile.. Piatti minimal curatissimi.. Lista vini ottima.. Prezzo altino
Visitatore4/5
16/01/2019
sono stata al Materia un martedì sera in occasione del mio compleanno. Locale pieno, ci fanno accomodare in una saletta. Le quattro stelle sono per la location: per quello che mi aspettavo di trovare in un ristorante di questo tipo, avrei preferito i tavoli più distanziati tra loro in modo da avere più senso di “privacy” durante la cena. Per il resto è andato tutto benissimo. Abbiamo scelto i due menù degustazione, quello classico è quello vegetariano. Portate abbondanti per essere un ristorante stellato, ma questa è solo una nota positiva. Accostamenti molto particolari, sapori inaspettati e da parte mia anche sconosciuti. Il personale di sala è gentile e soprattutto molto giovane, come anche il simpaticissimo Chef. È passato tra tutti i tavoli a scambiare due parole, spiegando la filosofia della sua cucina e confrontandosi con i commensali sui piatti e le sensazioni provate. Molto bello, consigliato assolutamente.
Visitatore5/5
15/01/2019
L'esperienza in questo ristorante è stato amore alla prima portata. Abbinamenti incredibili, un'esperienza sensoriale che lascia senza parole. Dagli abbinamenti dei gusti e dei colori in ogni piatto, ai vini sapientemente consigliati da un bravissimo sommelier, alla gentilezza di tutto lo staff preparato e attento. Difficile da descrivere, bisogna provare per capire. Complimenti al giovanissimo e talentuoso chef: La stella è tutta meritata. TOP!!
Giovanni P5/5
15/01/2019
Andare oltre lo "standard", provare qualcosa di nuovo, in un contesto accogliente, gentile e competente. Dagli antipasti al dolce non entri mai nella routine, e le linguine con colatura di agoni di gusto e classe ineguagliabile La qualità ha un prezzo che è ampiamente giustificato. Preferisco un giorno da ricordare piuttosto che dieci da dimenticare. I miei sinceri complimenti a un gruppo di giovani impegnati su una starda non certo priva di difficoltà, ma per dirla con parole famose " they may have regrets, they may take blows, but they do it at their way"
Visitatore4/5
12/01/2019
Accostamenti e ingredienti insoliti e arditi. Eccellenti le linguine e il piccione. Ricorre una certa influenza orientale (ho capito a seguito di una recente esperienza giapponese del giovane chef). Ambiente giovane e non affettato. Buon rapporto qualità prezzo, nel senso che costa tendenzialmente meno di altri stellati. Sicuramente da provare.
Visitatore5/5
10/01/2019
Chi legge le mie recensioni noterà che tendo a premiare più’ che a punire. Tuttavia, questo non dipende da un metro di giudizio benevolo, ma da ripetute esperienze che mi portano a dare quello che ritengo un giusto riconoscimento, lasciando seconde opportunità dove non soddisfatto. Qui però andiamo al massimo. Con la mia compagna, abbiamo avuto modo di assaggiare la cucina dello chef Caranchini anche in passato presso altre realtà. Al Materia ha realizzato una crescita e maturazione notevole, confermata anche nella nostra ultima visita la scorsa settimana. Credo che la stella ci stia tutta. La proposta di Materia è molto innovativa, sofisticata ed originale con un mix di sapori comunque sempre molto equilibrato. Alcuni richiami alla cucina orientale sono ben calati nel rispetto della tradizione e delle materie prime. La carta non è ampia (ottima cosa), ma più’ che varia e completa, e comprende anche una serie di amuse bouche molto particolari, ben integrata con le successive proposte. Interessante la scelta dei dessert. La cantina è varia e di qualità e quindi tendenzialmente piuttosto “prezzata”. Tuttavia, i suggerimenti di sala permettono di soddisfare le esigenze di ciascuno. Lo staff è giovane, attento, professionale e motivato. Il locale è moderno e minimalista, ma comunque accogliente e gradevole. Il rapporto qualità prezzo è assolutamente giustificato. Un unico piccolo neo: un ristorante di questo livello deve accettare TUTTE le carte di credito.
Lucia A5/5
06/01/2019
Personale preparato,professionale e molto gentile,accurata spiegazione per ogni piatto,anche in inglese(avevamo un'ospite che parlava solo inglese).Ristorante piccolo,accogliente, arredamento minimale,idem per la mise en place -Menù degustazione di qualità eccellente, anche per vegetariani. Porzioni adeguate,presentazione interessante e conto equilibrato.Piacevole l'amuse- bouche,che precede una cucina di livello.Piacevole il pane fatto in casa e servito caldo accompagnato da una mousse di burro salato. Abbinamenti ricercati e utilizzo di ingredienti poco conosciuti che stupiscono. Sapori delicati e abbinamenti raffinati e non scontati.Ottimi vini con prezzi giusti.Equipe di ragazzi giovani,preparati.Bravi,bravi bravi.Torneremo presto per avere conferma di questo primo assaggio che ci ha lasciati soddisfatti.
Visitatore5/5
06/01/2019
Già da qualche mese desideravamo ritornare da Materia, ben prima della loro proclamazione come "stellato". Poi, per un motivo l'altro, abbiamo sempre rimandato fino a quando ci siamo detti: "perché non proviamo al cenone di Capodanno"?? Detto, fatto. L'atmosfera è sempre la stessa, grande cordialità, sorrisi ed una sensazione di sentirsi a proprio agio. Con i ragazzi il discorso cade, inevitabilmente, sul riconoscimento che hanno raggiunto, e per tutti loro la sensazione è di estrema soddisfazione ed anche di incredulità, perché se è vero che ambivano alla stella, sicuramente non si aspetttavano che arrivasse a soli due anni dall'apertura. Il menù della sera era fisso, con la possibilità di scelta fra carne o pesce per la portata principale. La cucina di Chef Davide Carachini si conferma per nulla banale, con spinte nella sperimentazione e nell'abbinamento culturale-gastronomico davvero interessanti. Negli snack di benvenuto compaiono le influenze orientali affinate in un loro recente viaggio. In questi assaggi, insieme ai Gamberi rosa con dragoncello liquirizia ed al baccalà al sedano rapa, birra e tartufo nero, le papille gustative sono gettate in una vera e propria centrifuga di sensazioni, che proiettano il commensale in una vera dimensione onirica. Da qui si esce al momento del Risotto al sedano rapa, birra e tartufo nero, piatto dove lo Chef dimostra di saper essere "diligente" anche quando propone un piatto molto scolastico. Per il secondo optiamo per la carne ed assaggiamo il filetto di lepre tra salmì e royale, ed ancora una volta il gusto si impenna in salita, facendo scoprire come una carne selvatica possa essere "addomesticata" in pieno equilibrio. Scopriremo, tuttavia, che questo picco è solo il preludio al vero e proprio tripudio del dessert: spuma di porcini e gelato al topinambur con frutto della passione e caffè. Qui l'applauso viene spontaneo e lo tributiamo a Davide quando esce in sala a mezzanotte per gli auguri e per un brindisi con i commensali, a cui viene servito anche uno squisito hamburger di cotechino e lenticchie. La stella è meritata sia per la creatività dello Chef che per tutta la squadra che ruota in sala: la passione la gioia che emanano da tutti i ragazzi e da Ambra, unica presenza femminile che è la vera regia dietro le quinte del locale, sono uniche ed anche quelle piccole ingenuità del servizio sono parte della loro freschezza. Ma non fatevi confondere, dietro a questo "candore" c'è un grande lavoro, una conoscenza della cucina e del servizio e la determinazione ad andare ancora oltre. Bellissime le parole di Davide quando ci ha sussurrato che la Stella non è un traguardo ma il trampolino verso il suo vero obiettivo: essere il primo bistellato in provincia di Como. I ragazzi hanno tutte le potenzialità per arrivarci, lo Chef ha solo 28 anni e la stella "prematura" gli ha solo fatto guadagnare del tempo per studiare come andare oltre. Anche la ricerca di nuovi sapori e nuovi piatti non si ferma, ci hanno confessato a cosa stanno lavorando per la primavera (ma che non voglio spoilerare per non rovinare la sorpresa) e, credetemi, sono sicuro che non sarà una delusione. Materia è un'orchestra dove ognuno da il suo fondamentale contributo, diretta da uno Chef di talento che sa dove vuole andare e sa anche bene che ci potrà arrivare con la sua squadra. Bravi ragazzi! Per voi il futuro non potrà che essere radioso. Noi siamo felici di aver iniziato l'anno con voi, e lo saremo ancora di più ogni volta che torneremo.
Visitatore5/5
06/01/2019
ottimo piatti con molta acidità' forse ricercata e voluta dallo chef cose inusuali per un ristorante stellato o non pero' ottimi brutto il fatto di pagare il coperto staff giovane ma molto gentile buona esperienza anche se abitudiarmente siamo abituati ad altre preparazioni molto classiche da seguire attentamente nell'evoluzione futura
Visitatore2/5
03/01/2019
Apprezzabile la cortesia dei giovani, ma non avere una tovaglia non mi trasmette un’idea accettabile di igiene...non esiste una carta delle acque e si trova solo la San Pellegrino e Panna ( stessa azienda) , una delle acque più scadenti italiane...il pane insipido ( a domanda rispondono che va mangiato col burro salato...mah?!) pane con pasta madre ( io faccio il pane con pasta madre che ha 20 anni , tutte le settimane ( il mio è ottimo), non c’era piattino del pane, ne coltello per spalmare il burro...abbiamo usato le nostre posate divertenti gli amuse bouche, ma gli altri piatti ( antipasti, primi e secondi) con troppi accostamenti esotici che non amo in un ristorante italiano, preferisco piatti territoriali e nazionali...amo spezie e verdure esotiche in ristoranti esotici...il sito parla di cucina locale, non è così Troppi errori per un ristorante stellato Il costo è alto in proporzione al piatto ( come quantità e qualità)
Visitatore5/5
03/01/2019
come regalo di natale ho deciso di tornare a trovare i ragazzi di Materia. 1/2 volte l'anno è d'obbligo monitorare l'evoluzione di questi ragazzi. Davide e Guglielmo sono sensazionali, ma anche i ragazzi in sala, molto cordiali e preparati, solo sul vino qualche piccolo impaccio ma perdonabile.i piatti sono un'esperienza da vivere. consiglio il menù degustazione 6 portate, vi soddisferà in pieno e vi farà fare un viaggio nella ricerca dello chef. credo che questo ristorante meriti ancora di più, ma forse meglio non correre. ci vediamo alla prossima per vedere le nuove sperimentazioni.
Visitatore5/5
30/12/2018
Tutti i piatti assaggiati veramente notevoli.......compresi gli stuzzichini iniziali e i dolcetti finali.........si vede che sono piatti studiati per parecchio tempo e non improvvisati.Personale molto gentile e preparato.Se proprio bisogna dire qualcosa che non va.......beh......il locale......in una via anonima....un po' piccolo......certo trovare un locale con vista lago .....sarebbe il massimo.