La Coloniale Degustazione Vini a Milano: leggi le recensioni

Leggi le ultime recensioni riguardanti La Coloniale Degustazione Vini (Milano). Sluurpy aggrega i voti,valutazioni e recensioni dei principali siti di ranking per fornire ai suoi utenti la migliore panoramica dei ristoranti di loro interesse.

Visitatore1/5
29/12/2019
Prezzi da strozzini! I vini sono più cari del 20% rispetto alla media che trovi su qualsiasi sito internet. Probabilmente i prezzi sono allo stesso livello di rinomate enoteche che offrono un servizio a cinque stelle ma il problema è che alla Coloniale il servizio non esiste, nessuno ti da un consiglio, sono tutti molto scontrosi, devi arrivare lì sapendo già quello che vuoi altrimenti sembra che gli dai una scocciatura. Il proprietario un vero cafone degno solo di un’osteria di bassa lega (che effettivamente è come si presenta la Coloniale). Io sono stato lì solo per comprare del vino, non ho fatto degustazioni e non ho mangiato lì ma a giudicare dalle recensioni di chi ci è stato ultimamente... meglio starne alla larga! In definitiva, cercano di atteggiarsi ad enoteca di alto livello, senza averne le caratteristiche. Basso basso livello... solo i prezzi sono di alto livello!
Visitatore2/5
16/11/2019
Aperitivo con vino di scarsa qualità pagato tantissimo: bottiglie da 6 euro pagate 20 e tagliere da 8 euro scarno, selezione formaggi (2...) con una caciotta insipida e parmigiano. Male male! La seconda stella per l'ambiente: pieno di bella gente. Inspiegabilmente.
Visitatore1/5
07/06/2019
Mi sono fermato per caso in questa vineria affollata per puro caso. Fuori il locale c’era un ambulante con il forno a legna che sfornava piccole pizze napoletane. molto invitante; mi ha invogliato ad entrare. Mi propongono un trancio di pizza con prosecco a 6 euro. Pizza davvero buona, trancio piccolo piccolo, ma ci sta come accompagnamento al flut. Ma l’aperitivo al bancone pessimo proprio. Sia come qualità che come scelta. Quando arrivo io in locale non c’è quasi nulla in realtà, è finito tutto, TUTTO. Sono appena le 19. Ci sono due grissini e del pane con la maionese. Bho. Chiedo gentilmente se è possibile avere qualcosa da spizzicare, visto che la vetrina sotto il bancone è pienissima di piatti. PIENA. La povera cameriera prova a prendere uno dei quattro vassoi di pasta fredda già pronta, ma il vecchio proprietario alla cassa la ferma e le fa mettere dell’insalata russa presa da una mega vaschetta industriale. E basta. Tutto un bancone vuoto con vassoi vuoti. Un vassoio di insalata russa industriale. Beh vi do un consiglio se volete guadagnare, dovete spendere. La generosità paga sempre. Pessimi e sgarbati, non si sono nemmeno scusati ne hanno fornito spiegazioni. Mica vi obbliga qualcuno ad offrire l’aperitivo, se non vi va...non fatelo!
Visitatore1/5
27/05/2019
La maleducazione del signore (termine rispettoso dovuto all’età) che serve i vini è qualcosa di inaudita. Non ti degna di uno sguardo e tantomeno ringrazia. Se ordini una birra, per non parlare di altro che non sia vivo ti serve schifato. Alla cortese richiesta di patatine (io ero incinta e non potevo mangiare nulla di quello che è esposto sul bancone) ha risposto testualmente “oggi non ho aperto la busta”.... purtroppo, scema io che continuo ad andarci e rimanerci male ogni volta...
Visitatore2/5
29/03/2019
Selezione ottima di vini. Locale storico. Legno sulle pareti. Taglieri scarsi da 4€ e 8€. Ok va bene tutto. Ma credo che un sorriso ogni tanto non guasterebbe. Giusto per educazione, per simpatia verso i clienti. Pensiero personale eh.
Visitatore1/5
18/11/2018
Il signore che serve i vini è sempre indisposto non ti guarda in faccia prende i soldi senza ringraziare (e senza fare lo scontrino) per non parlare del fatto che se gli si chiede una birra o una coca cola ti guarda palesemente schifato. Mi dispiace perché in realtà il luogo è tipico, i vini sono ottimi e la cantina vastissima. Praticamente un posto simile è introvabile a Milano. Un vero peccato la scortesia
Emilio L4/5
17/10/2018
Sono entrato pensando fosse una osteria ho trovato ottimi vini che puoi rifornirti anche dall'enoteca attigua ,dove trovi centinaia di etichette per tutte le tasche,tornerò a dicembre per i regali di Natale.
Visitatore5/5
02/10/2018
Raramente do 5 stelle ma la coloniale le merita. E le merita perché resta la stessa. Si conferma nel suo essere una degustazione con assaggi. Dove poter provare champagne e vini con pochi piatti realmente caratteristici, dai nervetti al polipo
Visitatore5/5
24/09/2018
Frequento questa enoteca da anni. Per me e i miei amici è garanzia di qualità e gentilezza. La consiglio per bere del buon vino a prezzi giusti!
Visitatore4/5
04/08/2018
Quando desideriamo goderci una grandiosa selezione di “gazzose” sappiamo dove andare. Il cibo offerto all’aperitivo non è all’altezza dei vini proposti, pertanto io acquisto delle prelibatezze e le scarto sul momento: prosciutto d’oca, salmone selvaggio, fegato grasso, cozze in salsa piccante, alici marinate... Preparo il mio aperitivo e dal bancone mi faccio servire soltanto le bollicine. Spendo parecchio e sono felice di viziarmi in questo modo. La clientela è sempre la stessa, tutti si conoscono e tollerano con grandi risate il modo ruvido degli anziani colonialisti!
Domenico L4/5
13/04/2018
capito molto spesso in questa vineria. Buoni vini e spirito cordiale. Ci si sente a proprio agio consumando in compagnia. Consiglio vivamente
Visitatore1/5
22/11/2017
Indubbiamente è un enoteca ben fornita, la location fa molto old style dove la conformità del moderno non serve ma ragazzi qui si paga per esser preso a schiaffi dalla maleducazione. Il signore anziano un cafone, le due ragazze non italiane che fanno le cameriere sono una più rozza dell’altra! Bicchieri tolti dalle mani, sedie e tavoli verso chiusura toltici da sotto le chiappe. Mai più. Evitate di portarci amici per far bella figura perché veramente rischiate grosso. CHE PECCATO.
Antonietta G1/5
11/09/2017
Senza parole perché mentre parlavo con un'amica che ha un handicap motorio, la ragazza dietro al bancone si permette di dirmi che la trattavo male...solo perché io con la mia amica ho un rapporto schietto, vero e senza ipocrisia e ci parliamo senza che una noti la disabilità dell'altra. Facendo così ha offeso una ragazza che grazie al suo atteggiamento si è sentita ancora più disabile e me che ho un rapporto sincero con lei da oltre 15 anni. In poche parole 8 euro buttati via e una serata rovinata da una persona che dà solo aria alla bocca invece che lavorare. Il titolare brava persona nonostante ciò.
Visitatore5/5
09/09/2017
Posto mitico. E se non ti piace è meglio che vai a fare il maranza da qualche altra parte. Grande Ugo!
Visitatore1/5
07/07/2017
Imbarazzante atteggiamento del signore dietro al bancone: avendo trovato un tavolo libero, mi avvicino al banco per chiedere se potessimo occuparlo. Senza farmi parlare mi viene detto "Non c'è servizio al tavolo! se vuoi chiedere chiedi se no cosa vuoi?". Una volta che sono riuscita a formulare la semplice domanda "Scusi, possiamo prendere quel tavolo?" il signore, in evidente imbarazzo, risponde con un secco "Sì" e mi volta le spalle. Vista l'esperienza, una volta deciso cosa bere, ho lasciato che fosse un altro membro del gruppo ad alzarsi per ordinare (al banco naturalmente!): è stato trattato male almeno quanto me, se non peggio. Nemmeno al momento di pagare è stato fatto un sorriso o è stato detto un "grazie". Stesso trattamento riservato a molti altri nostri vicini di tavolo. Il tavolo non è mai stato pulito, nonostante fosse all'interno proprio davanti al bancone, quindi ci siamo "goduti" il nostro calice tra la sporcizia creata dagli avventori precedenti. Ho avuto al malaugurata idea di portare qui gli amici per goderci quello che in una recensione precedente avevo descritto come "un posto della vecchia Milano, dove il tempo pare essersi fermato", ma a quanto pare dell'enoteca che conosco non resta nulla, se non i vini buoni e una grandissima maleducazione, che, per fortuna, non appartiene nè alla vecchia nè alla nuova Milano.
Visitatore1/5
30/05/2017
Quando al 4 spumante decidi di cambiare bicchiere e me lo servi in un calice da bambini......non ti offendere se mentre pago a prezzo pieno ti faccio notare che sono "4 di cui 2 chupiti". Comunque tutto in linea con l'ambiente. A mai più.
Visitatore2/5
22/04/2017
L ambiente old stile è anche carino, ma il personale scortese ed i prezzi alti per due dita di vino fanno crollare il mio giudizio!
Visitatore4/5
05/04/2017
Allora, il posto è scomodo se non si ha un tavolo, questo è da dire. Peró ci sono sia tavoli all'interno sia dei tavoli carini all'esterno: tavolini con sedie e mangiainpiedi a forma di botte. Più un paio di panchine lungo le vetrine. Il posto è un'enoteca vera e propria, quindi il bancone ha un piccolo spazio ricavato nel negozio. La scelta dei vini è immensa e il buffet è semplice e gustoso, con piatti della cucina veneziana (ci sono anche le uova sode intere!!!). E' molto caratteristico e frequentato da clientela genuina e non pretenziosa. Da provare!!!!
Visitatore2/5
01/04/2017
La partenza è in frenata: l'atteggiamento del personale è scortese fino allo sconcerto, e la frenesia di una serata troppo piena rovina l'atmosfera di professionale disincanto che ci si aspetta da un'enoteca strutturata. I bicchieri sono finiti, la folla sul marciapiede venera isterismi, ed i quattro grissini a disposizione del banco sono il meglio che si possa aspettare. Il momento più basso viene raggiunto quando la cameriera ci strappa dalle mani i bicchieri appena terminati, brontolando, perchè vanno lavati per altri clienti in attesa. La carta dei vini è ottima, nella stanza adiacente alla mescita gli scaffali strapieni lasciano intendere di poter soddisfare ogni esigenza. Forse ci si sarebbe dovuti limitare alla vendita al dettaglio, senza improvvisarsi locale notturno incapace di gestire il rapporto con i clienti. Peccato per la zona, che avrebbe avuto bisogno di una realtà simile.
Visitatore2/5
17/03/2017
Senza infamia e senza lode,essendo in una vineria mi aspettavo più scelta e una maggiore interazione enologica con il gestore. Vini decenti, ma che trovo in qualsiasi bar. Farei qualche sforzo in più
CHIUDI
CHIUDI