La Taverna Dei Terroni a Milano: leggi le recensioni

Leggi le ultime recensioni riguardanti La Taverna Dei Terroni (Milano). Sluurpy aggrega i voti,valutazioni e recensioni dei principali siti di ranking per fornire ai suoi utenti la migliore panoramica dei ristoranti di loro interesse.

Visitatore4/5
09/10/2020
Ottimo cibo e personale alla mano. Location molto carina (metterei anche un po’ di musica). Porzioni molto grandi e buona qualità! Consigliato informale
Visitatore5/5
08/10/2020
Piccolo localino all'interno del Mercato rionale vicino a viale Monza. Cucina tipica Pugliese. Orecchiette, braciole, fritto misto e molto altro. Cibo ottimo, pesce fresco, porzioni abbondanti. Abbiamo optato per due fritti misti, zucchine alla griglia e tiramisù. Personale e proprietari gentili e disponibili. Hanno anche pietanze per ciliaci. Ci torneremo di sicuro.
Visitatore5/5
04/10/2020
Pesce ottimo e non solo. Tutto buono e a prezzi corretti e... Abbondanti! Tutto lo staff e i responsabili cordiali professionali. Ci torneremo per mangiare quello che non siamo riusciti a prendere.
Erminia P4/5
28/07/2020
All'interno del Mercato Comunale di viale Monza sorge la Taverna dei Terroni. Location informale, conviviale.. Un po' rumorosa ma ci sta visto il mood tipico e gioioso che richiama il folklore del sud. Cibo buono, pesce fresco, porzioni abbondanti e prezzi onesti. Promosso!
Visitatore4/5
25/07/2020
Trattoria situata all'interno del mercato comunale (molto particolare e interessante), cibo molto buono e porzioni abbondanti, staff e proprietario (in cucina) troppo simpatico, che portano allegria. Sono andato, siamo tornati, sono ritornato e ci ritorneremo. Consigliato! Ah, facile da raggiungere, vicino mm1 Pasteur
Visitatore5/5
11/07/2020
Il pesce stra buona ad un prezzo buono a milano, da provare assolutamente. Il personale è molto gentile e disponibile. Veramente soddisfatto come cliente 🥳
Visitatore4/5
24/06/2020
Se state cercando il locale fighetto con piatti gourmet avete scelto il posto sbagliato! Posto molto semplice, ma ben gestito. Non esiste un menù vero e proprio, le portate sono limitate (due/tre antipasti, primi e secondi), ma veramente buone. Il pesce è fresco, gustoso e ben cucinato. Consiglio anche la burrata....squisita! Rapporto qualità prezzo giustissimo. Ci sono già stata tre volte e mi sento di consigliarlo vivamente!
Visitatore2/5
02/03/2020
Sono stato a cena per festeggiare il mio compleanno con un gruppo di amici. Il locale si propone come una trattoria con cucina tipica del sud, ubicata all'interno del mercato comunale di Pasteur. Per quanto riguarda la location rispetta quello che propone, tavoli posti all'interno delle corsie del mercato o in una piccola saletta adiacente alla cucina,pochi fronzoli,tovagliette e via. Se parliamo di cibo la situazione è decisamente diversa: menù scarso, tre antipasti, due piatti come primi e due piatti per i secondi. In cucina non si ha la minima idea di come si regoli il sale,dall'impepata di cozze agli scialatielli e orecchiette salatissimi, per quasi tutti gli ospiti. Arriviamo alle 21.00 e poco dopo più di un ora le birre erano già finite,ne abbiamo consumate 10 in 26 persone,mi sembra un evidente caso di pessima organizzazione dato che avevo prenotato con una settimana di anticipo. Dopo circa 10-15 minuti dall'arrivo dei primi (non avevamo ancora finito di mangiarli) cominciano a servire i fritti misti ordinati come secondo,lo faccio presente al cameriere e mi risponde con: devo portarli per forza,la cucina sta chiudendo. Risultato: arrivano tutti i fritti a tavola,finiamo di mangiare i primi,i fritti diventano freddi e fanno schifo. Ciliegina sulla torta? Camerieri palesemente senza esperienza e uno dei due con le unghie delle dita completamente SPORCHE e NERE. Conto elevato in relazione a quanto scritto sopra. Non ci tornerò mai più e non lo consiglierò a nessuno.
Visitatore1/5
01/03/2020
Mi aspettavo un locale spartano, economico, dove trovare una cucina semplice e buona. Il posto è si spartano, ma non è ne economico. Il cibo è scarso, sia nel gusto sia nelle materie prime. (Vari piatti riscaldati, il menu ha solo 3 piatti per per portata) Inoltre verso metà cena ci hanno avvisato di aver finito le birre e alle 11.30 hanno chiuso “il bar”. Vino della casa semplicemente pessimo. Insomma, considerata la qualità del cibo non ci tornerei e non lo consiglierei.
Visitatore4/5
27/02/2020
ottimo pranzo con mio padre, abbiamo preso 1 impepata di cozze e 1 scialatielli allo scoglio, molto buoni, forse addirittura eccessivamente abbondanti nelle quantità. con acqua, vino, caffè, menu da 10€. ambiente alla buona, si trova all'interno di un mercato. esperienza positiva, ci tornerò.
Visitatore2/5
25/02/2020
Passi location, gli ambienti , l’offerta e il servizio. Fosse il cibo eccezionale o anche soltanto buono, andrebbe benissimo. Ma le cozze dell’impepata non avevano sapore (a voler esser buoni), scialatielli allo scoglio con pesce di qualità discutibile (sospetto del surgelato si bassa qualità) e pasta stracotta. Tutto questo per un conto neanche troppo economico. Ma perché?
Visitatore2/5
17/02/2020
Frittura mista ampiamente scadente, soutè di cozze molto mediocre, pasta alla scoglio non male sebbene avesse il pesto (???). Prezzo decisamente al di sopra delle aspettative rispetto alla qualità offerta. Voto 3,5/10
Visitatore5/5
13/02/2020
10 e lode grande Paolo, tutto molto buono, locale accogliente, personale educato, grande professionalità
Visitatore4/5
13/02/2020
Sorpresa!!! In un vecchio mercato comunale un pranzo inaspettato, primo piatto ottimo e abbondante. Sapori decisi e tradizionali. Menù pranzo a un prezzo più che modesto. I piatti dei vicini mi invogliano sicuramente a tornare al più presto!!!!
Visitatore5/5
11/02/2020
Trattoria spartana con ottimi piatti di pesce "pochi ma molto buoni".Assolutamente da provare:impepata di cozze,branzino ai ferri e il tiramisù home made per chiudere in bellezza.
Visitatore4/5
11/02/2020
Sono tornata dopo qualche mese a cenare alla Taverna e se il locale è molto spartano,il cibo supera questo limite. Impepata, pasta con il pesce e pesce alla piastra ottimi, pure le zucchine alla griglia erano buone. I ragazzi addetti al servizio carini...Peccato che la dieta mi abbia obbligata a rinunciare al tiramisù...dalla faccia della mia metà, valeva probabilmente uno strappo alla regola
Giovanni I1/5
09/02/2020
Può darsi che ero antipatico al cuoco, che mi ha risposto con maleducazione e aggressività quando ho osservato, con molta cortesia, che secondo me il salmone nella zuppa di pesce mediterranea non ci va. Servizio pessimo e approssimativo. Prezzi alti per la qualità del servizio. Siamo ritornati in questo " ristorante" solo perché altri clienti ne tessevano e ne tessono le lodi. Siamo esseri umani e quindi soggetti all' errore. Ero disposto a rivedere le mie considerazioni. Purtroppo non posso: riconfermata maleducazione, approssimazione e qualità del cibo discutibile in rapporto ai prezzi. Essere trattati come mendicanti in cerca di cibo non è certo gradevoli. È vero che cliente deriva da cliente, ma il cliente paga. Eppoi la buona educazione non è merce. Posto orrendo.
Visitatore1/5
08/02/2020
Il locale è spartano, il servizio idem, il menù (striminzito) pure ed i cibo pure. Perché non lo sono anche i prezzi?
Visitatore5/5
20/01/2020
Sono andata con dei cari amici e devo dire che la pasta ė molto buona. Le orecchiette e il pesce fritto. Anche i prezzi, 20€ a testa. Tornerò!
Visitatore1/5
18/01/2020
Metto una sola stella perché non posso metterne ZERO o, meglio, MENO CINQUE.. La chiamerei "la taverna del peggior stereotipo dei terroni"e lo dico io che sono meridionale ed anche orgoglioso di esserlo ma mai, assolutamente mai terrone; in effetti, entrandoci mi è venuto in mente un vecchio film di Nino Manfredi, "brutti, sporchi e cattivi". Intanto il menù, in maggior parte precotto e come tale esposto in bella vista al pubblico in una bacheca a vetro, che peraltro è un ex banco vendita dismesso di uno degli ex negozi del mercato comunale dove questo posto è collocato; cibo precotto esposto così, come se fosse una cosa positiva; cibo non entusiasmante se non nell'abbondanza delle porzioni e ci mancherebbe pure, con quello sproposito che si paga per i piatti organoletticamente appena superiori a quelli di una mensa aziendale; l'unica cosa veramemente buona è il pane, ma dubito che lo facciano loro; tutto ciò in effetti andrebbe bene per un posto di quart'ordine quale in effetti è, ricavato all'interno di un ex mercato comunale semifallito e dove lo squallore regna sovrano; andrebbe bene, appunto, se non fosse per i prezzi che anzichè essere stracciati per quella roba che ti servono sono invece carissimi e spropositati in rapporto a posto e (mediocre) qualità. Tutto questo sarebbe ancora il meno: a completare l'opera, la scortesia e l'arroganza regnano sovrane e le uniche due persone cortesi sono i due camerieri o per meglio dire dipendenti stranieri, un arabo, molto professionale anche se vestito .... boh... come se fosse a casa sua ed un altro, forse un cingalese, vestito come un fioraio e che non sa neppure parlare italiano; loro sono i migliori perché i titolari, due anziani quasi vecchi dall'accento pugliese, una donna bionda bassa e grassa ed un tipo alto, grassissimo e malvestito che aveva dimensioni, atteggiamento e movenze di un orco delle fiabe, si sono comportati con noi in maniera quantomeno scostante, se non aggressiva ed addirittura quasi violenta specie quando abbiamo chiesto i conti separati, rifiutati in malo, malissimo modo e sono convinto che il vecchio ciccione che ci ha urlato perentoriamente dietro non mi ha messo le mani addosso perché, immagino, avrà realizzato all'ultimo istante che per lui sarebbe finita molto male.... il mio motto è che più sono grossi e più fanno rumore quando cadono, e se ne sarà reso conto.... comunque, questo vecchio continuava a guardare con insistenza una ragazza di 24 anni che era con noi, un pò come si può guardare un dessert.... anche questo è un particolare non da poco. Una volta pagato e chiesto lo scontrino, abbiamo fatto i conti da noi per dividerlo e li abbiamo scoperto che ci avevano addebitato un primo in più (carissimo); dopo la sceneggiata che avevano fatto prima, affermando in tono prepotente ed odioso che "i conti separati non si fanno, aggiungendo malamente "perché è così e basta", e d avendo probabilmente capito che non potevano né aggredirci né intimidirci, hanno malvolentieri tirato fuori la cifra del piatto pagato in più. Il giorno dopo, ci siamo accorti che ci avevano comunque caricato sul conto altri 3 euro in più, a questo punto persi. Dal mio punto di vista, non ci andrò mai più in tutta la mia vita e neppure se dovessi nascere di nuovo dopo la morte; chi mi legge.... boh, se è masochista, è il posto che fa per lui altrimenti vada altrove, specie in provincia di Milano dove i gestori delle trattorie sono sempre cortesissimi ed accoglienti; anche i vituperati cinesi sono cortesissimi e non ti fregano mai sul conto mentre, quando vai in posti così, guarda caso, sbagliano spesso e volentieri e, guarda caso ancora, mai a sfavore loro. A buon intenditor, tante parole...... :D
CHIUDI
CHIUDI