Elsa a Calosso: leggi le recensioni

Leggi le ultime recensioni riguardanti Elsa (Calosso). Sluurpy aggrega i voti,valutazioni e recensioni dei principali siti di ranking per fornire ai suoi utenti la migliore panoramica dei ristoranti di loro interesse.

Visitatore5/5
24/08/2019
Porzioni abbondanti e squisite, grande gentilezza, simpatia e generosità! Ci torneremo sicuramente!!
Visitatore4/5
06/06/2019
Abbiamo telefonato di domenica, alle 14.15 e ci hanno detto di andare. Era tardi ma abbiamo mangiato bene: agnolotti, vitello tonnato, formaggi con miele e nocciole e due dolci. Presentandosi ad un orario più adeguato, la scelta era più vasta. I prezzi sono stati adeguati. Considerando la genuinità della cucina, lo consiglio vivamente.
Visitatore5/5
12/05/2019
Pranzo della domenica ottimo ed abbondante: 6 antipasti, un primo abbondante, un arrosto divino e carrello dei dolci 🔝
Luigino P1/5
09/01/2019
C'era una volta un locale conosciuto ed apprezzato fin oltre i confini della provincia, una sicurezza per chi cercasse i buoni piatti della tradizione, ma ora cosa è successo?! Personalmente ho trovato un disastro assoluto sia a livello di cibo, ambiente e conto.
Visitatore4/5
06/01/2019
E' sempre un piacere tornare al ristorante Elsa dove si gusta la cucina piemontese tradizionale, semplice ma sempre ottima, genuina e generosa. La simpatia e gentilezza dei titolari Marco e Caterina rende ancora piu' piacevole il pranzo, praticamente ci si sente come a casa. Nell'abbondante pranzo della domenica dell'Epifania il menu' comprendeva ben 7 antipasti: involtini di prosciutto crudo con pezzetti di sedano, lardo buonissimo, salciccia cotta nel vino con frutta, asparagi grigliati al parmigiano, vitello tonnato con maionese, insalata russa, e carne cruda. Per primo dei buonissimi agnolotti del plin al burro e salvia o a scelta in brodo. Di secondo un tenerissimo arrosto della vena cotto nel vino. Poi ancora formaggio con la rinomata Tuma Di Roccaverano. Infine il dolce con bunet al cioccolato e bianco alla vaniglia, con accompagnamento di un buon bicchere di brachetto e caffe' della moka. Per un pasto cosi' abbondante e buono, il prezzo pagato risulta anche molto onesto- Lasciamo volentieri ai turisti i ristoranti di Alba e dintorni decisamente piu' cari ma meno appaganti e con quache Km in piu' venire in questo ristorante dove l'accoglienza e la qualita' sono eccellenti.
Visitatore4/5
04/11/2018
Amici ci hanno consigliato questo locale un po’ fuori mano. Location vecchia ma pulita e ordinata. Il servizio è quello della nonna, piatti buoni, variegati e abbondanti. Ci hanno servito un antipasto di diverse portate tra cui una tartare squisita ( era almeno 500 grammi per 4 persone), dei ravioli di primo e dell’arrosto al Barbera di secondo, dolci , caffè amaro e ben 3 bottiglie di vino ( due Barbera e una di Moscato ) il tutto per euro 27,50 a persona. Consiglio , io ci tornerò (anche se abito lontanissimo).
Visitatore4/5
15/08/2018
La location appare un po’ vintage, ( ma oggi va tanto di moda ) il muro in sughero è una chicca per pochi intenditori... cucina casalinga ( e ci terrei a sottolineare che la pasta è fatta interamente in casa come tutto il menù del resto ) , la proprietaria ed il proprietario sono persone squisite , l’abbondanza del cibo ma sopratutto la qualità rievocano le vecchie cucine della nonna.. non è sicuramente un posto per chi bada alla forma più che alla sostanza !Se devo trovare una piccola nota dolente sono stati il tovagliolo e la tovaglia bucati o rammendati , ma del resto a casa della nonne “ non si butta mai nulla “ anzi la frase ricorrente è sempre la medesima: “ dammi qui che la nonna ci da’ due punti !”
Visitatore2/5
14/08/2018
La scorsa settimana ho deciso, con amici, di fare un giro dalle parti della zona delle Langhe. Abbiamo deciso di mangiare in questa trattoria che ho cercato quando eravamo in zona. Si tratta di una struttura esterna con una unica sala interna in stile anni 70, diciamo che ha avuto pochi rinnovi di immagine nel tempo. In questo senso lascia a desiderare, è un locale per persone attempate che non guarda alla forma, comunque pulito. Vediamo al mangiare. Si presenta una signora con fare discreto e riservato che non ci illustra nulla sullo schema del mangiare, tipologia di menù (eravamo nuovi) ma ci porta subito acqua e vino scelto da noi. Arrivano subito i primi antipasti. In realtà non avevamo intenzione di prenderli ma passare subito ai primi, allcuni di noi li hanno presi per metà ed altri no. Le solite cose tipo salame, insalata russa, vitel tonnè. Ci dice dei primi, Ravioli al plin o taglierini al ragù, vengono portati su un carello portavivande anch'esso datato anni '70. Comunque va detto i primi sono buoni, cucina semplice senza fronzoli, tipici della trattoria di campagna. Si passa ai secondi, anche qui un scelta limitata a due piatti. la presentazione del piatto "moooolto alla buona", ma va bene, io e i miei amici siamo escursionisti da rifugi e badiamo alla sostanza: il piatto comunque è buono. Caffè e poi decidiamo di andare. Alla cassa chiediamo se si può avere o comprare in zona il salame che abbiamo preso come antipasto, si ce lo possono vendere loro uno più piccolo. Vedo che ne portano uno che non è quello mangiato a tavola. Quanto ce lo fanno pagare non è dato sapere. Ci fa un conto globale cui ci aggiunge (in omaggio??) anche una bottiglia di moscato alla pesca. Problema: non si vede l'ombra di una ricevuta, quindi non è dato sapere quanto si è pagato e soprattutto del fatto di coloro che hanno saltato i giri di antipasti se li sono pagati comunque, probabilmente si. Quindi non vi è trasparenza sui prezzi e con una tecnica sembra un pò studiata si allunga una bottiglia, per fare un pò tutti contenti. A proposito: ho aperto giusto oggi sia la bottiglia di moscato e tagliato una fetta di salame, entrambe le due cose mediocri. Questo è tutto
Visitatore4/5
09/06/2018
Sono stato in questo posto tempo fa Ma mi è rimasto in mente e nel cuore Trovato per caso come spesso mi succese Accolti dalla signora con grande cortesia Gli antipasti ci sono stati serviti su di un carrello La signora ci ha chiesto se volevamo essere serviti o servirci da soli Risultato ci siamo mangiati anche il carrello Affettati misti Insalata russa Vitello tonnato Carne cruda Peperoni in bagna caoda E tanto altro Primi risotto ai porcini Tagliatelle al ragù di cinghiale Secondi Brasato della vena Patate al forno Spinaci Dolce vino acqua Caffè Pussa Sono uscito boccheggiando Digerito tutto Pagato decisamente poco Da.consigliare Ci torno
susy s4/5
01/05/2018
....ovvero : ristorante "vintage" dove ogni cosa sembra uscita da un film neorealista anni '60. Bello proprio per questo. Ci torniamo oggi dopo 12 anni e nulla è cambiato, se non che manca qualcuno di importante nello staff...Posto del 💖 forse perchè il mio primo ristorante piemontese, e per tanti ricordi con persone care.Cancellatelo se amate i posti "fighetti" e cucina da chef stellati, segnatevelo se vi piace la buona cucina piemontese che sembra fatta da vostra nonna. Buona e abbondante a prezzo più che onesto.
Visitatore2/5
30/10/2017
Capitati qui per caso, non eravamo pronti per essere catapultati in un locale così fermo nel tempo: probabilmente la gente del luogo ci e’ affezionata ed era comunque pieno. Penso comunque che sostituire i fiori finti con quelli veri, come anche mettere un cestino per il pane invece di lasciare le fette abbandonate sulla tovaglia, non sarebbe male. Non c’è un menù, chiediamo un primo e ci rispondono che “arriva più tardi, ora ci sono gli antipasti”. Quello che davvero non ho digerito e’ il conto: 50€ in due quando la seconda persona ha mangiato solo 1 piatto di agnolotti e una fetta minuscola di torta. Dovrebbero avvisare all’ingresso che c’è un menù fisso e che viene addebitato l’intero costo indipendentemente da quello che uno vuole mangiare. Nel caso specifico, vedendo che una persona ha rifiutato tutti gli antipasti, trovo di pessimo gusto addebitargli l’intero costo!!! Mai pagata così cara un piatto di pasta ripiena...
marina f5/5
17/09/2017
Complimenti davvero. Per la prima volta su consiglio di amici siamo stati a pranzo in questo locale. Un posto semplice ma che offre un cibo oserei dire eccezionale . Molto pulito e assolutamente privo di odore di muffa come ho letto in altre recensioni. Molto onesti sul prezzo e di una gentilezza estrema. Al momento dei saluti avranno detto 20 volte grazie..... noi ringraziamo loro dicendogli arrivederci
Visitatore4/5
11/09/2017
Struttura decisamente all'antica...un po' di rinnovamento non sarebbe male... Vino ottimo, portate buone (alcune molto buone) ma alcune sotto la media. Titolari persone simpaticissime e cordiali. Forse un po' meno portate e un pizzico di qualità in più aumenterebbero la valutazione. In ogni caso...da provare!
Visitatore4/5
03/06/2017
Frequento questo ristorante da 20 anni... le sedie i tavoli son sempre quelli. .. così come la gentilezza e la cortesia. Si mangia bene e si paga il giusto. Non aspettatevi piatti elaborati o rivisitati... antipasti affettati, insalata piemontese, peperoni. .. primi tagliatelle agnolotti plin.. di solito c'è sempre il bis! I titolari sono persone generose. Calosso è un paesino magico andate a mangiare da Elsa e poi andate a trovare qualche produttore di vino. .. qui sono oltre 30 e son tutti ospitali.
Visitatore4/5
28/05/2017
Dopo circa un anno siamo tornati per il pranzo della domenica e abbiamo ritrovato la stessa simpatica accoglienza e gentilezza da parte dei titolari Marco e Caterina. Ottimo pranzo con molti antipasti: salame cotto e crudo, prosciutto crudo con melone, insalatina primaverile con tacchino, carne cruda, vitello tonnato e asparagi con salsa tonnata, formaggio con salsa di pere, mele e miele. Tutte le portate servite abbondanti e sufficienti per un pasto completo, ma il pranzo continua con agnolotti del plin al verde burro e salvia per primo e scelta tra tre portate di secondi (abbiamo preso salciccia marinata ai frutti e stufato di maiale al Nebbiolo) Per finire assaggio di 3 tipi di torte: Torta di mele, torta di nocciole e Pan di Spagna e gianduia con le pesche ed una coppetta di fragole con accompagnamento di un bicchiere di moscato. Tutti piatti prelibati e genuini a cui e' impossibile dire di no. Dopo il pranzo, ovviamenti piu' che sazi ci siamo accomodati nel giardino di fronte al ristorante all'ombra degli alberi per riposarci prima di ripartire. Anche il prezzo risulta piu' che onesto. Consigliato per servizio, qualita' del cibo, e prezzo. Ci torneremo volentieri.
nicos g5/5
26/05/2017
Che dire di un posto dove ti lasciano la torta di nocciole, fatta da loro , e ti dice prenda quella che vuole. A parte questo, cibo piu che ottimo, servizio e tempi giusti, ambiente classico di Langa, vino, ho preso in Barbera sciolto in linea con il resto, hanno comunque diverse etichette locali Lo consiglio.
Visitatore2/5
21/05/2017
Siamo stati per pranzo essendo di passaggio e non conoscendo la zona. I titolari sono gentilissimi ma il locale è vecchio, arredi e vettovaglie. Si mangia benino senza pretese, infilano la carne ovunque, peccato che sia dura. Non abbiamo pagato poco però .....
Visitatore3/5
08/05/2017
L'impressione che si ha entrando è di un locale piuttosto datato sia nelle parti in muratura che negli arredi. Il personale è gentile e disponibile. La cucina è sostanzialmente buona, sicuramente con un taglio casereccio, ma senza portate particolarmente entusiasmanti. Il prezzo è abbastanza in linea.
Massimiliano M4/5
03/05/2017
Sono oramai 7 anni che vi facciamo tappa. Trattoria famigliare. Vini locali di buon corpo.Piatti della tradizione astigiana abbondanti. Locale da ristrutturare.
Alfonso D5/5
30/04/2017
Ci siamo capitati per caso, in questa locoalità immersa nei vigneti astigiani..locale semplice pulito dove sembra di essere tornati indietro di 30 anni..mangiare genuino, sapori d'altri tempi, personale cordiale e cortese.Antipasti misti, vitello tonnato, gnocchi o tagliatelle fatte a mano, spezzatino al vino rosso, pane casereccio e grissini friabili..dessert particolare..Da provare..
CHIUDI
CHIUDI